Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Elezioni 2019

TIRIAMO LE SOMME (6 di 7): La scuola al centro del paese

primi sui motori con e-max

NEL 2014 VI AVEVAMO DETTO:

Quella di Furato è una bella struttura, ma ha pochi bambini: occorrono idee per attrarne di nuovi. Quella di Inveruno è fatiscente e da rifare. Da vent’anni la stiamo aspettando. Come dovrà essere? Dobbiamo chiederlo prima ai ragazzi e ai loro insegnanti. E dobbiamo pensare molto avanti, farci aiutare dai migliori progettisti, perché non nasca già vecchia, e possa adattarsi alle sfide dei prossimi decenni. Noi la vediamo:

  • al centro del paese
  • raggiungibile a piedi e in bicicletta
  • aperta alla comunità
  • al centro delle iniziative culturali e sociali
  • immersa nel verde
  • dotata di mensa, palestra, attrezzature sportive, spazi polifunzionali
  • energeticamente autosufficiente ed economicamente sostenibile.

DA EX FABBRICA DI OLIO A "FABBRICA DI FUTURO"

La nostra idea: trasformare un grande problema al centro del paese, l'area dell'ex fabbrica di olio, degradata e inagibile da 26 anni, in una grande opportunità: la "fabbrica di futuro" dei nostri ragazzi. Per far questo abbiamo:

  • variato lo strumento urbanistico
  • fatto sì che la proprietà bonificasse l'area
  • offerto in permuta il terreno del vecchio campo sportivo (12.421mq) acquisendone 18.728
  • realizzato un nuovo campo da 11 in sintetico che soddisfa tutte le esigenze di gioco e allenamento della società sportiva
  • partecipato ad un bando nazionale e ottenuto il finanziamento per costruire la nuova scuola

COMPLETAMENTE FINANZIATA DA QUESTA AMMINISTRAZIONE

COSTO TOTALE: € 16.517.011,33 di cui:

  • € 13.213.609,06 finanziati a fondo perduto dallo Stato (Governo Gentiloni) con mutui BEI 
  • € 2.900.000,00 finanziati dal Ministero dell’Ambiente (GSE – Conto Termico) 
  • € 403.402,26 che pagheremo con fondi di Bilancio Comunale già previsti per il 2020

I FONDI MINISTERIALI

  • siamo arrivati 22esimi su 490 partecipanti 
  • l'importo ottenuto dall'Amministrazione è il più alto di tutta Regione Lombardia 
  • il Ministero ha confermato il finanziamento con Decreto Ministeriale del 5 novembre 2018
  • siamo in attesa che le risorse vengano erogate; a partire da quella data si avranno 18 mesi di tempo per aggiudicare i lavori

 

 

 

 ALL'AVANGUARDIA

Frutto delle migliori competenze: ideata con il supporto scientifico di due prestigiose Università - il Politecnico di Milano e l'Università Bicocca - e il coinvolgimento di un'Azienda a partecipazione pubblica - Cap Holding - per la quale il nostro sarà il progetto pubblico pilota per l'invarianza idraulica progettata e realizzata tramite il "Building Information Modeling", un metodo di progettazione e gestione dell'edificio ancora nuovo in Italia, che noi siamo tra i primi a sperimentare e che diverrà progressivamente obbligatorio per tutti gli edifici pubblici rispondente alle più stringenti norme in materia antisismica ed energetica 

Nella progettazione sono stati coinvolti i portatori di interesse: direttore didattico, insegnanti, personale ATA e studenti 

Dotata di spazi flessibili e adattabili a tutte le esigenze didattiche presenti e future piena di luce e spazio: oltre a quello della classe, lo spazio interno ed esterno antistante le aule potrà essere gestito dagli insegnanti per studio individuale o lavori di gruppo totalmente immersa nel verde, con strutture sportive e orti scolastici

 

 AL CENTRO DEL PAESE

Una scuola al centro del paese consente alla maggior parte dei ragazzi di raggiungerla a piedi, guadagnando in salute ed in autonomia.
Fare movimento è una necessità per i ragazzi, e il movimento più naturale e benefico, più di qualsiasi sport, è camminare. Quale opportunità migliore che poterlo fare ogni giorno andando a scuola?
Dal 2015 a Furato e dal 2016 a Inveruno è attivo il progetto PIEDIBUS che consente ai bambini delle elementari di sperimentare una camminata ecologica, salutare e divertente. Grazie ai volontari che lo rendono possibile.

 

 APERTA ALLA COLLETTIVITA'

Le attività culturali / sportive / ricreative delle molte associazioni inverunesi e furatesi necessitano continuamente di spazi la cui offerta è al momento carente. Il nuovo polo scolastico diventerà un centro di aggregazione della collettività:

  • la grande piazza-giardino centrale, la prima interamente pedonale, ospiterà eventi culturali e ricreativi nella bella stagione
  • il nuovo auditorium è pensato per iniziative che coinvolgano un pubblico di circa 250/300 persone (le uniche due strutture comunali attualmente disponibili hanno una capienza di 80/100 posti)
  • la palestra sarà adatta a gare fino alla serie B; all'aperto avremo il corsello di atletica e il campo regolamentare per pallavolo/pallacanestro
  • la palestra di dimensioni più contenute ospiterà i corsi di yoga, karate, danza etc. attualmente ospitati in strutture inadeguate o fatiscenti
  • I laboratori interni agli edifici scolastici sono stati posizionati in modo da poter ospitare corsi serali di hobbistica / attività varie

LA SCUOLA DI FURATO

A livello di edificio, la migliore scuola che abbiamo, ma con pochi bambini… e di anno in anno è diventato sempre più difficile garantire l'istituzione della prima classe. Quest'anno il numero degli iscritti è sceso a 8 e si è dovuto ricorrere alla pluriclasse. 

Abbiamo lavorato con l'Università di Scienze della Formazione Bicocca di Milano per costruire un'alternativa dal punto di vista formativo che, per la sua unicità sul territorio, attragga iscrizioni dai paesi limitrofi.

Abbiamo organizzato per i docenti un percorso di collaborazione con la Bicocca che confidiamo darà i suoi frutti e renderà possibile raggiungere l'obiettivo: MANTENERE LA SCUOLA ELEMENTARE A FURATO.

Facebook

Twitter