Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Rinnovamento Popolare in Comune

Risposta all'interrogazione sulle rette dell'Asilo nido

primi sui motori con e-max

Questa è la risposta data, nel Consiglio Comunale di venerdì  28 Giugno, all'interrogazione presentata dal Gruppo Consiliare "Insieme per inveruno e Furato" sulle rette dell'Asilo nido.

OGGETTO: Interrogazione ai sensi dell’art. 23 del Regolamento del Consiglio Comunale avente come oggetto “Rette frequenza Asilo Nido comunale Don Luigi Sacchi” – Risposta.

 

            In riferimento all’interrogazione in oggetto – prot. n. 8257 del 21/06/2019, si comunica quanto segue:

 

  • le rette applicate al servizio Asilo Nido sono state determinate a seguito di gara d’appalto a decorrere dal giorno 01/09/2011, come da contratto di concessione del 28/07/2011, in scadenza al 31/08/2020 ed ammontano a: € 575,48 (tempo pieno – h 7,30/16,30); € 393, 75 (part time – h 7,30/13,30); € 70,67 (prolungamento orario – h 16,30/18,30);

 

  • dal 01/01/2014 al 31/07/2017 le famiglie hanno potuto usufruire di un contributo mensile, per il numero di posti accreditati (19), tramite i fondi del Piano Nidi Regionale, gestiti da Azienda Sociale “Azienda Speciale per i servizi alla persona” di Castano Primo comportando una riduzione di € 80,77/ mese per il tempo pieno ed una riduzione di € 60,57/mese per il part time. Senza tale misura la retta si è automaticamente uniformata per tutti gli utenti venendo meno i posti accreditati;

 

  • a seguito di diversi incontri tra la Cooperativa Sociale Orsa, gestore del servizio, Azienda Sociale e l’Amministrazione Comunale, si è concordato di trasferire alla Cooperativa in parola parte delle risorse, messe a disposizione dal Fondo Sociale Regionale (ex circolare 4) e gestite da Azienda Sociale, per un importo complessivo di € 6.562,98.= per la riduzione delle rette degli utenti nel periodo settembre-dicembre 2017, a prescindere all’accreditamento e dalla residenza (quindi per tutti gli utenti del nido) per un contributo mensile pari a € 54,69.= per ogni iscritto; in data 13 dicembre 2017 è stata data comunicazione ai genitori dei bambini frequentanti l’asilo nido sulla destinazione del Fondo Sociale Regionale in questione;

 

  • a seguito del D.Lgs. n. 65 del 13/04/2017 che ha istituito il fondo nazionale per il sistema di educazione e di istruzione dalla nascita sino a sei anni” – annualità 2017 – per decisione dell’amministrazione sono state trasferite al gestore del servizio Asilo Nido parte delle risorse stanziate dalla Regione Lombardia finalizzate al contenimento delle rette di frequenza per il periodo gennaio - luglio 2018 per un importo complessivo di € 11.036,26 e più precisamente € 60,58.= mensili per ogni iscritto al tempo pieno ed € 38,00.= mensili per ogni iscritto al tempo parziale;

 

  • il medesimo contributo pro capite, sempre tramite il suddetto fondo regionale – annualità 2018 è in fase di liquidazione e riguarda il periodo settembre/dicembre 2018 per un importo complessivo pari a € 5.181,78.=;

 

  • per quanto riguarda l’anno in corso non sono ancora pervenute da parte di Regione Lombardia comunicazioni in merito alla ripartizione, tantomeno al trasferimento dei fondi, in quanto Anci Lombardia aveva chiesto che le risorse venissero trasferite agli ambiti e non ai Comuni;

 

  • a seguito del venir meno della misura piano nidi sono decaduti i vincoli della cooperativa la stessa nell’anno 2018/2019 ha introdotto il buono pasto pari ad € 4,50. Di buono pasto si è discusso anche per l’anno 2017/2018 ma grazie al confronto e condivisione tra genitori, amministrazione e cooperativa si è convenuto di rinviare l’introduzione dello stesso all’anno successivo.

     

    IL SINDACO

                                                                                                    (Dott.ssa Sara Bettinelli)

 

                                                                                                          IL SINDACO

                                                                                                (Dott.ssa Sara Bettinelli)

Facebook

Twitter