Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Legalità e Trasparenza

Lotta alle mafie: cronologia

Indice articoli

primi sui motori con e-max

Chi racconta il male diventa il male

(Roberto Saviano)

Su questi argomenti noi non scherziamo. Siccome le dichiarazioni fatte dalla Giunta nel foglio “è ora di chiarezza”, anziché fare chiarezza hanno sepolto sotto accuse arbitrarie e per noi inaccettabili quello che è realmente successo, vogliamo fare un racconto preciso dei fatti così come sono avvenuti, non accompagnandoli da giudizi da parte nostra.

Saranno i cittadini a giudicare.
Partiamo dalle accuse che ci sono state mosse. Leggiamo dal foglio recentemente distribuito:

Certa sinistra pare essere totalmente tentata dall’alimentare la cultura del sospetto

[...] Il gruppo di Rinnovamento Popolare, con l’assistenza di certa stampa poco equilibrata, ci attacca settimana dopo settimana insinuando chissà quali cose strane alla ricerca di scandali e malaffare.

“Certi attacchi ci hanno davvero offeso e hanno offeso tutta la nostra comunità. Ci hanno colpito per la durezza, il cinismo e la malafede con cui sono stati portati

Chi ha letto questi “giornali poco equilibrati” avrà potuto constatare che da parte nostra non c’è mai stato nessun attacco a nessuno, e che tutte le affermazioni da noi fatte all’interno degli articoli non esprimevano opinioni, ma parlavano di cose successe e difficilmente confutabili. Se venendone a conoscenza i cittadini sono portati a sospettare qualcosa, non dipende certo da noi. Si tratta di fatti seri e gravi. E’ diritto di tutti i cittadini conoscerli. Ed è nostro compito informarli.

Cominciamo dall’inizio.

Facebook

Twitter