Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Territorio e ambiente

Perchè abbiamo detto No alla sospensione della permuta dell'area ex Belloli/Campo sportivo di via Manzoni

primi sui motori con e-max

 Di seguito il testo dell'intervento nel Consiglio Comunale del 3 luglio 2018 per spiegare le ragioni del voto contrario di Rinnovamento Popolare alla mozione che chiedeva la sospensione della permuta dell'area ex Oleificio Belloli col Campo Sportivo di via Manzoni

"La realizzazione della scuola sull’area ex Belloli al centro del paese è un punto qualificante del programma del 2014, sulla base del quale Rinnovamento Popolare ha ricevuto il mandato elettorale.

L’acquisizione del terreno è il primo passo per arrivare a costruire la scuola rispettando tale mandato e oltretutto liberando il centro storico da un problema che lo affligge da ormai 25 anni.

La proposta di mozione risulta particolarmente incoerente ed ideologica, in quanto contraddice platealmente i comportamenti messi in atto dai gruppi consiliari di cui fanno parte i suoi stessi firmatari negli anni precedenti.

In essa infatti leggiamo che “la permuta priverebbe in modo irreversibile il Comune di Inveruno di una storica e funzionale struttura sportivo-ricreativa utile anche allo svolgimento della nostra tradizionale fiera di novembre”. Se questo è il pensiero dei firmatari della mozione, come mai gli stessi, quando erano assessori, hanno spostato la destinazione della fiera nell’area di via Modigliani e hanno dato destinazione residenziale all’area del campo sportivo di via Manzoni all’interno del PGT del 2012? Citando poi da “Settegiorni” di sabato 11 gennaio 2003: “ Il nuovo campo sportivo andrà a sostituire l’attuale campo di calcio di via Manzoni, che non corrisponde più ai vigenti parametri di sicurezza ed è costituito da strutture ormai obsolete non più adeguabili dal punto di vista strutturale. L’opera partirà al più presto perché intendiamo rispondere ad una esigenza della collettività; è il primo tassello di un impianto importante la cui realizzazione completa è prevista in dieci anni” Evidentemente non si reputava la struttura così storica e funzionale; A meno che con “storica e funzionale struttura ricreativa” non ci si riferisca all’abuso edilizio che abbiamo dovuto recentemente eliminare con la collaborazione di USI.

Si scrive inoltre che “l’accordo di permuta tra l’area ex Belloli e il campo Sportivo di via Manzoni è esclusivamente funzionale alla realizzazione della nuova scuola, la quale è subordinata alla positiva ammissione al finanziamento regionale”.

Che quest’affermazione sia priva di fondamento lo dimostrano i fatti, visto che stiamo procedendo a creare le condizioni per l’acquisizione del terreno fin dall’inizio del nostro mandato, mentre il finanziamento Nazionale è stato deliberato solo lo scorso gennaio.

Ci risulta inoltre del tutto incoerente che gli attuali firmatari della mozione siano gli stessi che votarono nel 2012 un PGT che prevedeva addirittura l’esproprio dell’area in oggetto e addirittura prima che fosse bonificata, pur non avendo su di essa alcun tipo di progetto; segno che anche la passata amministrazione considerava l’opportunità di tale acquisizione, indipendentemente dalla funzione da attribuirle, e si è mossa di conseguenza con atti ufficiali. Ricordiamo poi che la Lega firmò nel 2009 assieme a Rinnovamento Popolare una proposta di emendamento al bilancio che chiedeva a Forze Popolari di non compiere l’acquisto dell’area di corso Italia (oasi dei pescatori) e di procedere invece all’acquisizione dell’area Ex Belloli.

Non capiamo infine l’alternativa che la mozione sottende: che l’area ex Belloli rimanga nelle sue condizioni attuali per altri 25 anni?

E’ evidente che noi portiamo a termine intendimenti e promesse già proclamati dalle amministrazioni precedenti e che forse il vero problema per le minoranze sia proprio questo."

 

 

Facebook

Twitter